fbpx

Pulizia lenti a contatto morbide: quale soluzione usare?

Chi indossa lenti a contatto morbide non giornaliere, ovvero settimanali, quindicinali, mensili, semestrali o annuali, deve effettuare la pulizia ogni volta che le rimuove. Anche se normalmente è l’ottico optometrista ad indicare la manutenzione necessaria, ripassiamo quali soluzioni sono le più idonee, in quali situazioni oculari e quando dovrebbero essere impiegate.

Per ciò che riguarda le lenti a contatto morbide, esistono 4 tipologie di soluzioni:

soluzioni lenti a contatto morbideVediamole nel dettaglio.

soluzione unica per pulire lenti a contatto morbide

Soluzione unica

Come dice il nome, ha tante funzioni e da sola copre tutte quelle di manutenzione, pur non garantendo la disinfezione.

Tra queste troviamo:

– pulizia

– risciacquo

– conservazione

– idratazione

– lubrificazione

Esistono in commercio diverse soluzioni uniche, che si differenziano per la composizione: con acido ialuronico, con componenti naturali, ipoallergeniche etc. 

E’ possibile che, dopo la conservazione per diverse ore (ad esempio di notte), l’interazione con il conservante della soluzione unica provochi sensazione di bruciore non appena vengono inserite. In quel caso è necessario passare ad un’altra soluzione unica.

Come e quando utilizzarla?

Alla rimozione delle lenti, porre prima una e poi l’altra sul palmo della mano, versare qualche goccia di soluzione all’interno della lente e, utilizzando il polpastrello del dito indice, strofinare per qualche secondo. Con la stessa soluzione, riempire il portalenti ed inserivi la lente, avendo cura di seguire le indicazioni sul portalenti (destra indicata con “R” e sinistra indicata con “L” o un cuore).

La unica si può utilizzare per sciacquare le lenti se dovessero creare fastidi durante l’uso, per idratare gli occhi in mancanza di lacrime artificiali o, qualora necessario, per pulire il portalenti.

Soluzione salina

Non serve per la pulizia, ma per sciacquare le lenti una volta estratte dal contenitore prima di indossarle, anche se non è necessario,

soluzione salina lenti morbide con occhiera per sciacqui ocularia meno di intolleranze ai conservanti della soluzione unica.

E’ anche utile per la pulizia del portalenti, in quanto questo non può andare a contatto con l‘acqua.

Esiste anche in versione monodose senza conservanti.

Anche questa può essere utilizzata come idratante in caso non si disponga di lacrime artificiali o meglio ancora per sciacqui oculari utilizzando l’occhiera, un bicchierino il cui orlo, di forma ovale,

viene fatto combaciare con l’occhiaia per facilitare il contatto con la soluzione.

Perossido di idrogeno

Il perossido di idrogeno è l’unica tra le soluzioni a garantire la funzione disinfettante e si deve utilizzare esclusivamente con il portalenti in dotazione: questo presenta una stellina neutralizzatrice che trasformerà il perossido in soluzione salina solo

perossido idrogeno lenti a contatto

dopo 4/6 ore (in base all’indicazione del produttore), quando avrà terminato la disinfezione.

Il tappo rosso indica pericolo: infatti se si inserisce la lente prima del termine della neutralizzazione si avvertirà un forte bruciore, l’occhio si arrosserà e bisognerà sciacquarlo riipetutamente con acqua o soluzione salina.

Come e quando utilizzarlo?

Si utilizza in questo modo:

  • una volta rimosse le lenti porre prima una e poi l’altra lente nelle apposite gabbiette contrassegnate con una R per la destra e una L per la sinistra
  • riempire il portalenti fino alla linea guida
  • attendere dalle 4 alle 6 ore (in base alle indicazioni del produttore)
  • il perossido si sarà trasformato in salina e si potranno indossare le lenti (non è necessario risciacquare)

Nota: la maggior parte dei perossidi non svolge una funzione di pulizia, che è garantita invece quando effettuiamo lo sfregamento delle lenti a contatto sul palmo della mano con la soluzione unica o con il detergente.

DETERGENTE

detergente per pulizia lenti morbide

Si utilizza al posto della unica solo nella fase di pulizia, quindi deve essere affiancato alla soluzione unica.

Svolge una funzione di detersione ed è utile nella rimozione di depositi che tendono a fermarsi sulla superficie della lente .

Come e quando utilizzarlo?

Una volta rimosse lenti si pongono prima una e poi l’altra sul palmo della mano, si aggiungono 1 massimo 2 gocce di detergente (fa molta schiuma) e si strofina la lente per qualche secondo. Si risciacquano abbondantemente con la salina o la unica (assicurarsi che non vi sia più detergente sulla lente) e si ripongono nel portalenti, riempiendolo sempre con la soluzione unica.

 

Per riassumere

  • La 𝐬𝐨𝐥𝐮𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐮𝐧𝐢𝐜𝐚 si impiega per tutto: pulizia, risciacquo, idratazione, conservazione.
  • La 𝐬𝐨𝐥𝐮𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐬𝐚𝐥𝐢𝐧𝐚 serve solo per il risciacquo delle lenti e del portalenti.⁣
  • Il 𝐝𝐞𝐭𝐞𝐫𝐠𝐞𝐧𝐭𝐞 si utilizza solo nella fase di pulizia delle lenti, è quindi affiancato alla soluzione unica nei casi di depositi persistenti.⁣
  •  Il 𝐩𝐞𝐫𝐨𝐬𝐬𝐢𝐝𝐨 𝐝𝐢 𝐢𝐝𝐫𝐨𝐠𝐞𝐧𝐨 si utilizza per disinfettare le lenti ed è utile nei casi di congiuntiviti ricorrenti e/o infezioni.⁣

Ogni soluzione si utilizza in maniera diversa e per gestire situazioni diverse. In generale, la unica la si utilizza in tutti quei casi in cui l’ottico optometrista non riscontra particolari problematiche. Le altre soluzioni sono impiegate nella pulizia delle lenti nei casi di soggetti con dislacrimie, allergie, infezioni o congiuntiviti ricorrenti e non è da escludere la possibilità di utilizzare più soluzioni per la manutenzione delle lenti. Per qualsiasi domanda o dubbio, rivolgiti sempre al tuo ottico optometrista oppure lascia un commento qui sotto, sarò felice di risponderti.

 

6,531 Visite totali, 19 visite odierne

Articolo creato 26

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto