fbpx

IPERMETROPIA: cos’è, come e quando correggerla

L’ipermetropia è un difetto visivo difficile da comprendere e da spiegare a chi ne è affetto. E’ meno diffusa della miopia anche se ogni bambino presenta un certo grado di ipermetropia alla nascita che tende a svanire fisiologicamente crescendo.

Come correggere l'ipemtropia

QUALI SONO LE CAUSEE

Anche se il soggetto presenta oggettivamente un certo grado di ipermetropia, è possibile che non lamenti visione sfuocata, grazie al fenomeno dell’accomodazione. L’accomodazione è la capacità di mettere a fuoco gli oggetti messa in atto da una lente interna ai nostri occhi, il cristallino; essa si modifica con l’età, raggiunge il picco intorno ai 10-15 anni e poi diminuisce fino a diventare nulla intorno ai 65-70 anni. Proprio come un muscolo, durante l’accomodazione il cristallino si contrae per mettere a fuoco gli oggetti, mentre si rilassa quando disaccomoda. Non è così strano, infatti, sentire persone che riescono a vedere 12/10 (dodici decimi) da ragazzi e che poi perdono la vista dopo i 40 anni. Quando la messa a fuoco diminuisce, l’ipermetropia, che fino a quel momento aveva consentito loro di vedere sopra la media, ora fa vedere loro sotto la media, diventando così da latente a manifesta. Questa condizione avviene in contemporanea con la presbiopia, ovvero l’ incapacità di messa a fuoco da vicino, che insorge fisiologicamente dopo i 40 anni (qui il video sulla presbiopia).

Per una buona visione a distanza (a 6 metri e oltre) i raggi che provengono da un oggetto esterno devono posizionarsi esattamente sulla retina. Quello che accade negli ipermetropi è che i raggi convergono dopo la retina e questo comporta una visione sfuocata.

Questo può essere causato da una lunghezza dell’occhio maggiore rispetto alla media, un potere del cristallino superiore alla media o entrambi i fattori. Naturalmente anche il fattore ereditario concorre all’insorgenza di questo difetto visivo.

COME VEDE UN IPERMETROPE?

Per rispondere a questa domanda bisogna considerare il grado di ipermetropia.

  • Se il grado di ipermetropia è basso e l’età consente ancora di mettere in atto una buona messa a fuoco (cioè accomodazione), la visione risulterà buona, sia da lontano che da vicino. In questo caso parliamo di ipermetropia latente, e non è necessario correggerla. Se invece, a causa dell’età oppure di una scarsa accomodazione, (condizione che può essere presente anche da bambini) gli occhi non sono in grado di compensarla, la visione sarà sfuocata, ma questo succederà prevalentemente da vicino, quindi durante le attività di studio e lettura prolungati.
  • Se il grado di ipermetropia è medio-alto la visione sarà compromessa sia da vicino che da lontano e sarà necessario correggerla con occhiali o lenti a contatto.

come vede un ipermetrope

SINTOMI

I “sintomi” si nascondono meglio rispetto alla miopia: mentre il miope si accorge subito di non vedere bene a distanza (alla lavagna, la tv etc..), l’ipermetrope può far fatica ad accorgersi della presenza del difetto visivo. Infatti, può essere in una fase in cui i propri occhi riescono a compensarla; ma cosa succede se questa compensazione è solo parziale? In questi casi la visione da lontano non è quasi mai compromessa ma, soprattutto dopo un lavoro prolungato da vicino (studio, lettura etc.), si avvertono:

  • mal di testa (zone frontale e tempiale, soprattutto al pomeriggio e alla sera)
  • bruciore o arrossamento oculari
  • stanchezza eccessiva e difficoltà nella messa a fuoco
  • difficoltà nel mettere a fuoco quando si guarda a diverse distanze rapidamente, da lontano a vicino o da vicino a lontano (ad esempio durante il lavoro di copiatura dalla lavagna sul quaderno)

E’ proprio in presenza di questi sintomi che si deve intervenire sottoponendosi o sottoponendo il bambino ad un esame della vista.

COME CORREGGERLA

Il modo più semplice è l’utilizzo di occhiali. Gli occhiali per correggere l’ipermetropia presentano lenti che hanno un effetto ingrandente (tipo lente di ingrandimento) e questo rende il lavoro da vicino più “piacevole”, specie se le scritte o ciò che si sta maneggiando sono molto piccoli. Inoltre le lenti per gli occhiali possono essere realizzate con trattamenti antiriflesso che contribuiscono a rendere meno faticoso il lavoro da vicino. Infatti, quando l’ipermetropia è bassa ma si avvertono i sintomi sopra citati, si ricorre ad occhiali così detti riposa vista che non sono altro che occhiali che correggono l’ipermetropia che il soggetto non riesce a compensare. Ciò non significa che non si riuscirà mai a compensarla: possono esserci periodi della giornata o della vita in cui gli occhi non riescono a far fronte a tale compensazione, che è un vero e proprio sforzo muscolare. (qui il video sugli occhiali riposa vista).

Ipermetropia. Stanchezza, affaticamento, bruciore
Da Pinterest

Anche le lenti a contatto correggono l’ipermetropia. Al giorno d’oggi esistono lenti per ipermetropi morbide o rigide, mensili o giornaliere, oltre che a quelle su misura rispetto ai parametri oculari con una durata semestrale o annuale. Le lenti a contatto non sono la prima scelta se si trascorre molto tempo a studiare, leggere, scrivere: se è vero che l’immagine prodotta da una lente a contatto è in scala 1:1 con le dimensioni degli oggetti, è anche vero che si perderebbe l’effetto ingrandente che creano gli occhiali, che contribuisce a un minor sforzo durante queste attività. Sono utili durante lo sport, nel tempo libero e quando per ragioni estetiche si vogliono eliminare gli occhiali, che spesso presentano l’indesiderato effetto ingrandente degli occhi dietro alle lenti.

Possono essere utilizzate entrambe le soluzioni, sia occhiali che lenti a contatto e questo non comporta alcun tipo di problematica. Ricorda che nel caso dell’ipermetropia superiore a 4 diottrie, le lenti a contatto dovranno presentare un potere superiore. Puoi chiedere al tuo ottico informazioni a riguardo oppure puoi scrivermi qui sotto per qualsiasi domanda o informazione!

Vanessa Bonezzi

 

 

3,359 Visite totali, 22 visite odierne

Articolo creato 24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto